Salta al contenuto principale
emoji

In arrivo 157 Nuove Emoji

Tutti, almeno una volta, le abbiamo utilizzate su messaggini ed email per rendere più accattivanti le nostre conversazioni virtuali.

Ecco che quindi il progresso della tecnologia ci mette a disposizione un set di emoji sempre più ampio e particolareggiato. A partire da Giugno 2018 avremo a disposizione ben 157 nuove faccine che compariranno nelle tastiere virtuali dei dispositivi iOS e Android: secondo quanto precisato dall’Unicode Consortium, si tratta in realtà di 77 simboli aggiuntivi declinati in diverse varianti e combinazioni di caratteristiche come il colore della pelle o dei capelli.

Avremo ad esempio uomini e donne con i capelli rossi, bianchi, grigi, ricci o teste calve. Tra le emoji più curiose troviamo poi animali come l’ippopotamo, il pavone, l’aragosta, il canguro e il procione, ma anche il supereroe, il rotolo di carta igienica, la faccina festaiola, supplichevole o freddolosa. E ancora, il camice da laboratorio, gli scarponcini da trekking, la bussola, il cupcake… Insomma, ci sarà sicuramente da divertirsi.

Ma che differenza c’è tra emoji ed emoticon? Entrambi vengono utilizzati per esprimere la nostra personalità e dare una determinata sfumatura di significato ai nostri messaggi, ma c’è una sottile differenza fra i due. Con il termine emoticon si intende una serie di caratteri grafici che riproducono degli stati d’animo, come nel caso della classica faccina che ride; le emoji sono invece dei simboli pittografici divenuti popolari in Giappone dalla fine degli anni ‘90 con i quali è possibile rendere graficamente anche parole e concetti. Va detto poi che le prime sono simboli mentre le seconde sono immagini.

Le emoji più utilizzate al mondo sono, nell’ordine, la faccina che piange dal ridere, quella con gli occhi a cuoricino e quella che manda baci. Per chi non lo sapesse, va detto infine che il 17 Luglio si festeggia il World Emoji Day, a testimoniare l’importanza che, in un mondo sempre più monopolizzato dalla tecnologia, questi simboli si sono ritagliati nella comunicazione moderna.